Cas. Gravedèl - Escursioni ad anello sulle Dolomiti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cas. Gravedèl

Dolomiti > Dolomiti bellunesi > Schiara Nord > Val del Grìsol
Salita alla Casera Gravedèl dalla Val del Grìsol



Da Soffranco si percorre la strada asfaltata della Val del Grìsol oltrepassando la fontana di 'Grìsol de inte' e giungendo al 'Pònt de Pièra'. Attraversato il ponte si volge a sx (est) proseguendo per la pista forestale in mezzo al bosco che aggirando la costa di Fagarèi, porta ai grandi prati di Rizzàpol presso il bivio di m.800 c. (parcheggio al bivio)
Si tralascia la strada asfaltata che si inoltra in piano verso sud e si segue la pista (con divieto) in salita  con pendenza costante (tralasciare la diramazione -m.950- a dx che porta a Col Caniel) giunge con due tornanti alle case della loc. Gravina a m.984. Questo punto è assai panoramico e da qui si diparte ad ovest (segnaletica) la mulattiera contrassegnata con il n.529 (al 2015 la numerazione sulla tabella è 509)


Traccia gps andata e ritorno alla Cas. Gravedèl dalla passerella di Igne con il ritorno per i prati di Rizzopol

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Allternativa per la passerella di Igne alle case della loc. Gravina a m. 984

Nel Canàl del Maè sotto all'abitato di Igne, lungo la strada asfaltata vi è il parcheggio per accedere alla passerella sul torrente Maè a m.550. Essa è lunga puù di cento metri ed è sospesa con robusti cavi di acciaio, si cammina su spesse assi di legno e vi è una rete metallica su ambo i lati per tutto il tragitto. (io ho attraversato in bicicletta senza alcun problema)
Dal lato ovest della passerella si sale per scalini con rampa ciclabile sino alla rotabile della dx Maè a m.570 c. che collega Soffranco con Pirago. Si prosegue risalendo la dx orografica per circa mezzo chilometro sino al ponte sul Rù Pìzzol (m.545) presso il quale a sx vi è la tabella CAI n.529 (err. 509) della mulattiera che dovremo risalire. Diagonalmente sopra alla strada si sale lasciando a sx una fontanella ed aggirando una valletta con acqua, la mulattiera ci porta quindi ad uscire frontalmente ad un trivio di strade forestali (fontana – case ) m.685. La strada che prende a nord si ricollega scendendo a tornanti con la rotabile della dx orografica Val Maè che avevamo abbandonato alla partenza).
Si prende diritti ad ovest per pista forestale in leggera discesa e si supera con un pontr in legno il Rui Maor dal quale si sale a tornanti la costa sino ad un bivio (Prà de Sòt -m.750- tabella) dal quale si può prendere sia a dx che a sx per risalire ai bei prati sud di Rizzapol, tagliati da una pista forestale in quota a m.860 circa. Risaliti alla frazione di Taò si rimonta la strada forestale al bivio Gravina-Col Canièl a m. 950 circa. Si prosegue per la pista ad est e con due tornanti si perviene alle case della loc. Gravina a m.984. Questo punto è assai panoramico e da qui si diparte ad ovest (segnaletica) la mulattiera contrassegnata con il n.529 (al 2015 la numerazione sulla tabella è 509)
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

La vecchia mulattiera con muretto che risale i magnifici prati verso case Taò

Loc. Gravina dove inizia la mulattiera a dx


Verso le Cime della Serra e Col del Douf, spunta la cima della Tovanella

La mulattiera segnata segue la costa denominata 'Riva del Moro' che diviene mano a mano che si sale sempre più ripida ma ben battuta. Alla quota di circa m.1150 si supera una valletta e poi ancora ripidi nel bosco sino ad uscire sulla spalla priva di alberi alla quota di m.1200 circa – panorama sulla Cima dell'Albero, Colon, Cima della Serra.
Si sale ancora per ripido sentiero la costa boscosa, superando qualche schianto sino ad uscire sul prato della Casera del Gravedèl a m. 1460 (m.1430 gps)
Il panorama a nord lascia intravedere le crode della Tovanella che che si ergono superbe oltre le Cime della Serra.
La Casera, curata dai Caccitori di Longarone, è in ottime condizioni e può offrire ricovero a quattro persone (ma per emergenza anche ad una quindicina) peccato che l'impianto idrico esterno -fontanella- non sia funzionante per la siccità degli ultimi anni.

Dislivello da Rizzapol m.650 – ore 2:30
dalla passerella di Igne m. 900 – ore 3

Portarsi l'acqua perchè la fontanella della Casera Gravedèl non è sempre funzionante.


Cas. Gravedèl verso est

Interno della Cas. Gravedèl



Dal prato frontale della Cas. Gravedèl verso la Cima dell'Albero

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu