Ponte dell'Orco - Escursioni ad anello sulle Dolomiti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ponte dell'Orco

Dolomiti > Escursioni culturali

Il Ponte dell'Orco

Il monolite di roccia è raggiungibile dalla Valsugana in località Ivano-Fracena (Castello di Ivano) parcheggiando l'auto un km ad est dell'abitato (strada asfaltata)  a quota 500 circa. Indicazioni. Si sale verso est con moderata pendenza per la pista che al primo tornante sinistrorso, ad un bivio,  lascia posto al sentiero. Si prosegue per il sentiero dotato di parapetti in legno e con un saliscendi (Bivio per Ospedaletto) si perviene al ponte di roccia.
ore 1 circa. dislivello circa duecento metri.






Da Ospedaletto per la Val Bronzale (strada asfaltata) è possibile giumgere molto vicini al ponte di roccia senza scendere dall'auto.  Dal centro del paese si sale per la valle sino ad indivisuare dulla dx orografica il ponte.

Il largo sentiero è stato reso turistico con la protezione di solido steccato in legno


Due immagini lel Ponte dell'Orco, si ni nella foto sotto l'area da pic-nic con tavolo e panche



Il castello di Ivano


Percorso culturale tutto in discesa dal forte di M.Lefre al Ponte dell'Orco.
 (traccia gratuita GPS disponibile sui link citati)

Il Ponte dell'Orco: una stupefacente architettura naturale in Valsugana, recentemente valorizzata con sentieri ben agibili. Il tragitto non può tralasciare la visita alla vicina vetta del M.Lefre, fortificata durante il primo conflitto mondiale ed ora divenuta museo all'aperto. Al rif. M.Lefre si perviene in auto.
Il tragitto richiede due auto: una parcheggiata sotto il Castello di Ivano (altra storica struttura da visitare: aperto dal 5 giugno con ristorante interno) con l'altra, passando per Strigno e Grigno, dall'abitato di Padellano si seguono le indicazioni a dx per il rif. M.Lefre.
Il percorso scende per sent. nr.329 - (proprio dal bivio del rif. dove vi è sulla strada la tabella topografica) in leggera pendenza per una stradina che scende per larghi prati in direz.sud-est, cala poi con suggestivi panorami sino al bivio di quota m.684. Dal bivio si prosegue verso est dapprima in piano, poi in discesa con sentiero protetto da steccato e, superata una fontana, si perviene ad un bivio (vi è la possibilità di salire anche da Ospedaletto) dal quale in salita subito si perviene al grande arco di roccia dove vi è una area di sosta (tavolo, panche).
Il rit0rno è per lo stesso percorso sino al bivio di q. 684 con una salita di circa cento metri, poi si riprende il sentiero che, per il belvedere panoramico, si ricongiunge alla strada asfaltata e da qui sino al Castello di Ivano.
Il percorso è segnato in bianco-rosso, pressochè in discesa salvo cento metri di dislivello per ritornare dal Ponte dell'Orco. Il tragitto è per tutti, il tempo per l'escursione circa ore 2.30 escluse le soste. -leggi leggenda del Ponte dell'Orco sul link sotto - voce:Folklore-
(NB:con una sola auto è possibile salire al Ponte dell'Orco da Ivano-Fracena per sentiero n.329 in circa ore 1.40)





 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu