Sent. dei Camosci - Escursioni ad anello sulle Dolomiti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Sent. dei Camosci

Dolomiti > Cortina-Cadore-Comelico > Cadore > Antelào - Marmarole


                                   Cengia dei Camosci
Anello da rif. Ciareido per forc.Bajon ex biv.Fanton e forc.Paradiso

Per sentiero n.262 dapprima (per rif.Chiggiato) e quindi per sentiero n.270 (bivio a q.1925) si scavalca la forcella Bajon (q. m.2234) con discesa piuttosto ripida per buon sentiero militare sino al biv. Fanton. q.1750 c. (ore 3 circa dal rif. Ciareido)
Dal biv.Fanton m.1750 verso forc. Bajon per due minuti sino al bivio. (segnaletica) Si sale per ripido canalino instabile a nord della torre Granzotto, attraversando un canalone che cala ad est del Biv.Fanton. Superata una forcellina calare lungo canalini ripidi facendo attenzione alla caduta di pietre sino alla quota 1850 c. (iscrizione commemorativa ANA-Tarzo) quindi si aggira per cengia (passaggio obbligato delle bestie) la costa rocciosa e si entra nel vallone delimitato ad est dalla mugosa forc. dei Baranci m.2099. La si raggiunge salendo a nord il canalone sassoso e poi aggirando per cengia di baranci. Ripido finale in mezzo alle mughe sino a m.2099 che è il punto massimo della traversata a nord. (circa ore 1.45 dal bivacco) 


                  Con tratti rossi la cengia del sentiero attrezzato, in giallo ex percorso dismesso

La forc. dei Baranci e la q.2159 vista dal canalone della cengia dei Camosci.


                                  L'appicco di q.2159 ed il tracciato per la forc. dei Baranci


                           Tracciato della cengia dei Camosci. In giallo il vecchio percorso in disuso.


                     Dalla forcella dei Baranci:Il Cimon del Froppa con la forcella Marmarole tra le nuvole

                                   
                               La Val Bajon, illuminato il grande masso spiovente detto 'Albergo de Bajon'

Su rocce aperte, diagonalmente a sud-est in discesa con passaggi attrezzati si raggiungono per canalini e banche i prati e le ghiaie dell'ampio vallone Pomadonna (m.1900) . Sopra di noi il Pupo. Si attraversa mantenendosi in quota per tracce sino a scavalcare lo spartiacque della dorsale e raccordandosi con il sentiero n.272 alla quota di 1850 c. (ore 1 dalla forc. Dei Baranci)
Il sentiero n.272, in parte atrezzato, ben battuto e segnato porterà per la Forc. Paradiso (fortificazioni della grande guerra) sino al rifugio Ciareido in poco più di un'ora.

Dislivello complessivo m.980 circa
Complessivamente ore 7 circa
acqua di fusione nei canali a nord.


                                                Dal sentiero n.272 alla quota di 1850 c. 


                                  Due foto della discesa verso est dalla Forcella dei Baranci






 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu